Torna alla pagina principale della sezione biografie
Biografia del Banco del Mutuo Soccorso
Nella primavera del 1972 usciva l'album "B.M.S.", meglio conosciuto come "Il Salvadanaio": era il folgorante inizio di una avventura musicale che conta trent´anni di vita. Trent´anni di musica che sono stati festeggiati in maniera adeguata, con l'esibizione sul palco del Primo Maggio a piazza San Giovanni a Roma di fronte a 600 mila spettatori (2002) e con il concerto all'Ippodromo delle Capannelle (luglio 2003) sempre nella capitale (22 mila biglietti al botteghino). Ultima stazione del percorso del Trentennale - percorso messo a fuoco dalla band insieme a Pietro D'Ottavio - è la pubblicazione dell'album live registrato proprio alle Capannelle, CD che prende il titolo "No Palco", prodotto da Paolo Sentinelli e distribuito dalla Sony Music. Il gruppo, fondato da Vittorio Nocenzi, muove i suoi primi passi a Marino (Roma), città natale di Vittorio e di suo fratello Gianni, dove il gruppo ha la sua sala prove (la mitica "Stalla") e dove nascono i primi sei album discografici che consacrano il Banco fra le band europee di rock progressive più importanti degli anni ´70. Negli anni ´80 il Banco è ancora protagonista, passando dalla forma musicale della “suite” e dei “concept” alla canzone classica, con brani di grande successo - “Moby Dick”, “Paolo Pa”, “Black Out”, etc - che riescono a coniugare vasta popolarità e qualità artistica. Negli anni ´90 il BMS intraprende una serie di tour internazionali che lo portano in Giappone, Stati Uniti, Brasile, Messico… Negli anni 2000 si intensificano i progetti solisti dei fondatori: Vittorio Nocenzi pubblica l'album "Movimenti" con le poesie inedite della pluricanditata al Nobel per la poesia Alda Merini, Francesco Di Giacomo riscuote grande successo di critica e pubblico con il progetto legato al Fado portoghese, Rodolfo Maltese continua a esplorare i territori della musica etno-jazz con la fortunata avventura degli Indaco.
Il progetto musicale confluito sotto la denominazione di BANCO DEL MUTUO SOCCORSO resta uno dei più significativi esempi di contaminazione globale. Con il Banco la musica rock sale di livello abbandonando certi suoi luoghi comuni e ne ridisegna un percorso significativamente diverso per forma e contenuto. E´ voce unanime della carta stampata e della critica internazionale che i musicisti romani traccino un percorso talmente proprio da far coniare il termine "musica alla Banco", che la dice lunga su come la storicizzazione di questa band non sia limitata al mito metropolitano, ma risulti segnata soprattutto da una proposta in continua evoluzione, contribuendo a consacrare il rock progressivo italiano in tutto il mondo. Non a caso le opere rock Darwin (1973) e Io sono nato libero (1973) sono ancora oggi al primo e terzo posto della speciale classifica del sito statunitense Gnosis, riservata ai migliori album progressive di tutti i tempi. Altri segnali in questo senso, sono il grande esito dei live del Banco all´estero: in Giappone (Tokyo Maggio `97, Osaka e Tokyo Febbraio ´98), in Messico (Città del Mexico Maggio ´99, Ottobre 2000), negli U.S.A. (Los Angeles Settembre 2000), Brasile (Rio de Janeiro Novembre 2000), U.S.A. (Pensylvania) e Panama (Giugno 2001), solo per citare alcuni episodi degli ultimi anni. Altrettanto successo hanno riscosso i recenti concerti italiani, inseriti in un percorso ricco di eventi e di collaborazioni (Eugenio Finardi, Micrologus). I concerti del Banco al Teatro Regio di Parma (Marzo 2002) e per la prima volta sul palco del Primo Maggio (2002) hanno dato il via alla stagione del Trentennale.
LA MUSICA
Il Banco ha sempre creduto che la qualità non è proprietà esclusiva di nessun genere musicale, che anzi passa come un filo sottile dovunque c´è ispirazione e autentica creatività. Dalla musica classica il Banco prende l´ampiezza compositiva e la dinamica espressiva; dal rock l´energia, il suono acido, la ritmicità; dal jazz la ricchezza armonica e l´improvvisazione; dalla musica etnica la poesia dell´istinto; dall´elettronica le opportunità timbriche della tecnologia.
I TESTI
I testi della musica del Banco, sono da sempre un aspetto particolarmente importante del loro mondo espressivo, e fin dall´inizio seguono una strada personalissima, fatta di immagini e dimensioni narrative che, come la musica, vanno dagli echi privati al sociale, in un continuo gioco di allusioni suggestive ed evocative.
IL CONCERTO
Il concerto del Banco del Mutuo Soccorso è sempre un evento culturale prezioso che riunisce ogni volta almeno due generazioni, riuscendo a restituire intatte le grandi emozioni che solo la vera musica può dare: insieme a quanti hanno vissuto direttamente gli inizi del gruppo, oggi, infatti, sono sempre più numerosi i giovanissimi che scoprono con entusiasmo una storia musicale diversa e affascinante.

I MUSICISTI
Vittorio Nocenzi: Pianoforte, tastiere, voce, musiche
Francesco Di Giacomo: Voce solista, testi
Rodolfo Maltese: Chitarre, flicorno, voce
Tiziano Ricci: Basso, voce
Maurizio Masi: Batteria
Filippo Marcheggiani: Chitarre, voce
Alessandro Papotto: Clarinetto, Saxofono, Flauto
DISCOGRAFIA `72 "B.M.S." ( Salvadanaio )-RICORDI/ `73 "Darwin!"-RICORDI/ `73 "Io sono nato libero"-RICORDI/ `75 "Banco" (inglese)-MANTICORE/ `76 "Garofano rosso"-MANTICORE/ `76 "Come in un'ultima cena"-MANTICORE/ `77 "Di terra"-RICORDI/ `79 "Canto di primavera"-RICORDI/ `79 "Capolinea "-RICORDI/ `80 "Urgentissimo"-CBS/ `82 "Buone notizie"-CBS/ `83 "Banco"-CBS/ `85 "Grande Joe"-CBS/ `85 "E via"-CBS/ `89 "Non mettere le dita nel naso" (F. Di Giacomo)-RICORDI/ ยด89 "Donna Plautilla" (registrazione 1969)-BMG/ `91 "Da qui messere si domina la valle" (Doppio CD)-VIRGIN/ `94 "Il 13"-EMI/ `97 "Nudo" (Doppio CD)-EMI/ `02 "Movimenti" (V.Nocenzi- A. Merini)-Ribes/ `03 "No Palco" (Live)-Sony


Nonsolosuoni.it - WebRadio personale di Massimo Manoni | Autorizzazione S.I.A.E. n. 90/I/159 | Licenza S.C.F. n. 319/05
info@nonsolosuoni.it

Privacy Policy