CARMEN CONSOLI - Confusa e felice (Cyclope Records, 1997)
Carmen Consoli nasce a Catania il 4 settembre 1974. Sin da giovanissima si interessa alla musica, infatti a nove anni inizia a suonare la chitarra elettrica e a quattordici entra a far parte di gruppi musicali, con i quali si esibisce alle feste studentesche e nei locali catanesi, eseguendo cover rock-blues. Nel frattempo inizia anche a comporre musiche e scrivere testi.
Nel 1996 pubblica l'album Due parole lanciato dal singolo Amore di plastica che Carmen canta sul palco del Festival di Sanremo classificandosi all'ottavo posto tra le nuove proposte. Questa prima canzone di successo della cantautrice catanese, spopola nelle radio e vende 150000 copie. Carmen si fa notare dal pubblico e dalla critica per la sua forte presenza scenica e la vocalità insolita, giocata tutta su toni sovracuti, volutamente sgraziata ma intonatissima.
Nel 1997 esce il suo secondo album, Confusa e felice – la canzone omonima viene presentata alla gara canora sanremese – con il quale Carmen conferma alla grande tutto il suo talento e viene considerata tra le più promettenti cantautrici italiane.
Questo ispiratissimo disco, più rock rispetto al precedente e in alcuni brani riscaldato e ammorbidito dal suono dei violoncelli, vede nei testi una viscerale carica poetica. Alcune canzoni sono molto intimiste e trattano intensamente il tema dei sentimenti repressi o conflittuali e dell'amore non corrisposto, come Uguale a ieri, Diversi, Fidarmi delle tue carezze, Blunotte, La bellezza delle cose. Mentre il rock più duro e meno melodico di Per niente stanca, tocca il tema dell'AIDS raccontando i pensieri di una malata, e la suggestiva Un sorso in più racconta l'agghiacciante dramma delle persecuzioni e delle deportazioni degli ebrei nei campi di concentramento.

Vai alla pagina principale di Nonsolosuoni Web Radio


Nonsolosuoni.it - WebRadio personale di Massimo Manoni | Autorizzazione S.I.A.E. n. 90/I/159 | Licenza S.C.F. n. 319/05
info@nonsolosuoni.it

Privacy Policy