QUEEN - The Works (EMI, 1984 / Digital Remasters: Parlophone - EMI, 1994)
Nel 1984, con l'album The Works, il tredicesimo della loro carriera, i Queen (Freddie Mercury: voce e pianoforte / Brian May: chitarra / John Deacon: basso elettrico / Roger Taylor: batteria e percussioni) riescono con successo ha realizzare un ponte per unire insieme l'Hard Rock che suonavano negli anni 70 con il Pop tipico degli anni 80. A trainare il long-playing fu senza dubbio Radio Ga Ga, una canzone che, nata da una geniale idea di Taylor, fu un vero e proprio successo mondiale tanto che il singolo salì al primo posto nelle classifiche di ben 19 paesi. Ma tra i classici presenti all'interno di questo disco non possiamo dimenticare nemmeno le sonorità dolci e al contempo energiche di It's a hard life, una canzone intrisa di positività che ha un inizio in stile operistico rifacendosi all'opera del 1892 "I Pagliacci" di Ruggiero Leoncavallo, le cui note sono appunto riprese dai Queen per l'intro del brano, sulla frase: "I don't want my freedom / There's no reason for living / With a broken heart". Rimane poi indelebile nel tempo anche il Pop sfarzoso di I want to braek free  – canzone che più tardi sarà usata come inno del movimento di democrazia in Brasile –  o l'Hard-Rock di Hammer to fall, che racconta della Guerra Fredda e del rischio nucleare. Un altro brano eccellente contenuto in questo disco è Keep passing the open windows  – per la verità sconosciuto ai più perché poco trasmesso allora dalle radio –  ha una melodia che si alterna tra momenti lenti  – dalle tonalità malinconiche –  ed altri invece veloci e ritmati, una canzone trascinante che è un inno alla vita, un incitamento alla forza di combattere le difficoltà che causano sconforto e depressione.
Dopo due anni di pausa dall'uscita del precedente album, Hot Space (1982), che ebbe scarso successo, periodo durante il quale Mercury, May e Taylor si erano addirittura dedicati a progetti individuali, ecco quindi che con un rinnovato spirito i Queen riescono a sfornare The Works: un piccolo grande album con il quale la band torna all'hard rock dei primi giorni della loro carriera  – con arrangiamenti ricchi, virtuosismi vocali e maestosi riff di chitarra e di basso –  riuscendo però anche ad accostarsi alle nuove sonorità Pop, entrando così a pieno titolo anche in quelli che furono gli anni '80.

Vai alla pagina principale di Nonsolosuoni Web Radio


Nonsolosuoni.it - WebRadio personale di Massimo Manoni | Autorizzazione S.I.A.E. n. 90/I/159 | Licenza S.C.F. n. 319/05
info@nonsolosuoni.it

Privacy Policy